Sono Claudio, ho 32 anni e sono originario di Ferrara. Vivo da tre anni a Buenos Aires, dopo aver girovagato per vari lidi che mi hanno lasciato tanto, e da cui mi sono staccato sempre con grande difficoltà. Il mio domicilio è cambiato spesso, la mia casa invece so che rimarrà sempre quella, nella campagna ferrarese, a cui faccio ritorno ogni volta che posso, ma dove, credo, non tornerò per un bel pò. Ho migrato prima per scelta mia, ora non so, me lo chiedo spesso. E mentre cerco di capire, continuo a fare ciò che più mi piace: insegnare.
2 minutes reading time (402 words)

Il lato oscuro del calcio argentino

Dopo aver parlato del lato esaltante del futbol argentino, per dovere di cronaca anche del lato oscuro. Della lista di attributi e sostantivi affibiati nel post precedente al calcio, ne mancano due, i più inquietanti: terrore e malaffare. Già, c’è anche questo. E i politici lo sanno bene. E pure la polizia. Il problema più visibile si chiama barrrabrava, i nostri ultras, ma più violenti, e pure di molto. 301 vittime dal 1922 ad oggi. A quanto riporta la ong Salvemos al Futbol, dal 16 dicembre ad oggi sono morti già morte tre persone. La causa è la stessa: scontri fra fazioni della stessa squadra. L’ipotesi di omicidi derivanti da scontri a fuoco, risse o coltellate fra bande di tifosi avversari potrebbe anche essere un qualcosa di comprensibile, in questo mondo regolato da leggi d’onore e dimostrazioni di forza. Difficile capire quando queste persone, solitamente appartenenti agli strati più deboli della società, si scontrano, e sovente si ammazzano, fra di loro. La risposta sta nei traffici milionari della barra. Ci sono fazioni interne, e quella predominante si prende la fetta di torta più grossa. La gestione dei posteggi fuori dallo stadio, il bagarinaggio dei biglietti di ingresso rivenduti anche in dollari, il narcotraffico e lo sfruttamento della prostituzione: questi sono le attività illecite milionarie che spingono questi gangster, per nulla interessati al calcio, ma attratti dai soldi che ci girano attorno.  Il loro potere è smisurato, le televisioni intervistano questi personaggi con fedine penali chilometriche, i tifosi chiedono loro autografi come fossero calciatori, ma soprattutto, la politica sta con loro.

La ragione di questo permissivismo è analoga a quella che recentemente Massimo Carminati, il boss di Mafia Capitale, con la sua metafora del “mondo di mezzo”, ha spiegato a tutta Italia. Ci sono affari in cui i politici, imprenditori, sindacalisti non possono immischiarsi, perché si sporcherebbero le mani, allora le fanno sporcare a chi le ha già sporche, magari pure di sangue.  

Javier Cantero, presidente del club Indipendiente, ha deciso di porre fine a ricatti, denunciando pubblicamente il capo della tifoseria, isolandoli e puntando ad allontanarli dallo stadio. Constatato il fallimento di questa iniziativa, Cantero ha spiegato in un’intervista rilasciata a Pangea News, una rivista web italiana operante in Argentina,  che “la più pericolosa arma in mano ad un barra brava è la rubrica del suo cellulare, con i numeri dei politici: ogni volta che viene preso, li chiama e si fa rilasciare.

Conta fino a meno 10..
La passione del futbol argentino
 

Commenti

Ancora nessun commento
Already Registered? Login Here
Ospite
Mercoledì, 21 Agosto 2019
If you'd like to register, please fill in the username, password and name fields.

Contoworld.it usa i cookies per il login, la navigazione e altre funzioni di tracciamento. Accetta per consentire i cookies