Blog World

Cittadini nel mondo, le esperienze di chi si trova all'estero per studio, lavoro e svago.

Fiabe in festa nel parco di Whilelmsthal

Fiabe in festa nel parco di Whilelmsthal

C’è una parola che bisogna necessariamente conoscere se si capita da queste parti in Germania: das Märchen, la fiaba. La tradizione di questi racconti, un tempo solo orali, è così radicata da dedicare alle Favole un percorso lungo 600 km che parte da Hanau fino ad arrivare a Brema. Paesaggi e castelli si susseguono sulla Märchenstraße, strada delle fiabe, animata da moltissimi eventi durante periodo estivo. In questi luoghi Jacob e Wilhelm Grimm hanno vissuto, raccolto e rielaborato le favole della tradizione popolare tedesca. Pubblicata nel 1812, la prima edizione di Fiabe per bambini e famiglie conta una collezione di circa duecento racconti, tra cui Biancaneve e i sette nani, Hansel e Gretel, Cenerentola. Così, un sabato pomeriggio, può capitare di incontrare nello splendido parco di un palazzo rococò la nonna di Cappuccetto Rosso. L’occasione potrebbe essere una Märchenfest, giornata dedicata alle favole, ricca di spettacoli e laboratori per bambini.

Il Castello di Wilhelmsthal si trova a Calden, località a pochi kilometri dal centro di Kassel ed è uno splendido esempio di residenza di caccia in stile rococò. Costruito per volontà del langravio Guglielmo VIII, il palazzo venne eretto nel XVIII su disegno dell’architetto francese François Cuvillés. Un immenso parco abbraccia la residenza, e non mancano la grotta, la fontana con puttini dorati e una torre di guardia (macché di guardia, quella è la torre di Raperonzolo, dico io). Durante la giornata delle favole il parco si anima con spettacoli di burattini, bolle di sapone, carrozze trainate da cavalli e principessine con corone di fiori in testa. Piccole dame vestite di bianco sfrecciano sui monocicli, dolci ragazzini salutano con il cappello a cilindro dall’alto dei loro trampoli. Libri illustrati, bambole colorate. Tutto questo è meraviglia. Ma, in fondo, cos’è una fiaba se non stare sotto una coperta calda e meravigliarsi?

 

b2ap3_thumbnail__DSC0612.JPG

 

b2ap3_thumbnail__DSC0613.JPG      b2ap3_thumbnail__DSC0617.JPG

 

b2ap3_thumbnail__DSC0605.JPG

b2ap3_thumbnail__DSC0665_20141213-000009_1.JPG

b2ap3_thumbnail__DSC0619.JPG

 Schloss Wilhelmsthal, Calden

 

b2ap3_thumbnail__DSC0718.JPG    b2ap3_thumbnail__DSC0708.JPG

 b2ap3_thumbnail__DSC0707_20141213-000531_1.JPG    b2ap3_thumbnail__DSC0706_20141213-000018_1.JPG

Queste bambole meravigliose si trovano in questo negozio: Märchenladen 

 

Continua a leggere
  2218 Hits
  0 Commenti
2218 Hits
0 Commenti

La lingua del sì

La lingua del sì

Per me, fare l'insegnante di italiano è uno dei lavori più gratificanti del mondo. Poter divulgare la mia lingua, la lingua del sì come l'aveva chiamata Dante è un vero privilegio. Se non fosse per il fatto che le giovani menti francesi non sono ancora del tutto pronte per ricevere tale importante sapere. Ora vi racconto.

Lavoro per un'associazione che ha sede in Savoia e che propone corsi di italiano per adulti e per bambini. A me hanno affidato entrambi, 3 corsi per adulti e 4 classi della scuola elementare. Che dire, ce n'è per tutti i gusti.

Tra i banchi dei corsi per adulti si possono trovare molti esemplari di pensionati iperattivi, di nonne appassionate di maglia e di opera e di suocere sotuttoio. Si possono, altresì, scorgere rare specie di uomini in carriera e casalinghe che (ovviamente) ne sanno sempre di più degli uomini in carriera.

Ecco, tutto questo sottobosco è il mio pubblico e ho il compito di farli avanzare nell'apprendimento della lingua senza annoiarli e inserendoli sempre in situazioni comunicative di tutti i giorni. Come me la cavo? Direi abbastanza bene, finché riesco a motivarli ed ad interessarli, il gioco è fatto. Tuttavia,  appena c'è il minimo riferimento, la minima divagazione riguardo qualcosa che potrebbe non essere di loro gradimento, fanno scattare le loro braccia al cielo, come le gemelle Kessler quando cantavano dadaumpa, per esprimere il loro disappunto.  Però, devo dire che la loro volontà è quella di imparare. Cioè, se decidono di alzarsi dal loro divano ed affrontare la tormenta gli uni, di stare ad ascoltare una che parla di verbi e coniugazioni dopo 8 ore in ufficio gli altri, questo significa che vogliono effettivamente imparare l'italiano.

Al contrario, i bimbi delle elementari non hanno ancora la capacità di fissarsi degli obiettivi. Perciò a loro non frega un fico secco se si dice maestra e non maestà, se dice uno due tre e non iunò diué trrré (da leggersi con la erre moscia). Rimangono perplessi tutte le volte che mi arrabbio se non scrivono sul quaderno quello che dico, se si mettono le dita nel naso quando mi parlano e se mi chiamano Lorà invece di Laura.

In compenso, questo lo devo ammettere, sono speciali perché si preoccupano sempre se mi manca la mamma o la nonna, vogliono sapere dove sono nata e se il mio papà mi ha insegnato ad andare in bicicletta ("ma quanto ci hai messo in bicicletta dall'Italia a Chambéry?"). In più, litigano per potermi tenere la mano quando, in fila indiana, li accompagno nel cortile per la ricreazione e tutte le volte che entro in classe mi regalano un disegno. I disegni dei bambini, nonostante non siano proprio delle opere d'arte, sono la cosa più bella che c'è. E' il loro modo per dirmi grazie e che mi vogliono bene anche se non capiscono niente di quello che dico.

 

 

Continua a leggere
  2367 Hits
  0 Commenti
2367 Hits
0 Commenti

La mia vita a Chambéry

La mia vita a Chambéry

Abito in Francia dal 2011. Ho vissuto un po' dappertutto nel grande esagono francese, da Lione a Tours e quest'anno eccomi qui a Chambéry, ridente cittadina della Savoia, incorniciata dalle Alpi. Devo ammettere che il salto dalle chilometriche spiagge dei lidi ferraresi alle vette rigogliose con mucche al pascolo mi ha un po' destabilizzato quest'estate, tanto più che, ancora adesso, quando faccio una strada in salita mi si tappano le orecchie. Perché la Francia? Perché è un paese che si muove e che, allo stesso tempo, ti aspetta. Si preoccupa che tu riesca a seguirlo, a patto che tu lo voglia. Ciò significa che qui, chi va avanti è perché se lo merita. E io che sono italiana, il valore della meritocrazia lo apprezzo più di altri.

Sono arrivata a Chambéry a fine agosto, quando ancora tutti erano in vacanza. Gli autobus erano sempre vuoti e non si faceva la coda per una baguette. C’era caldo e le lenzuola, al sole, si asciugavano subito. Ora c’è freddissimo, ho le mani e le labbra secche ed a tutte le ore del giorno le boulangerie sono piene di gente che è sempre di fretta.

Di lavoro inseguo un sogno, il che mi lascia il tempo anche di fare qualcos’altro. Insegno italiano in una scuola elementare e faccio anche dei corsi per adulti. Inoltre, a tempo perso, faccio "l'assistante d’éducation", detta anche più rusticamente bidella. In poche parole, sorveglio i bambini di una scuola durante la mensa e la ricreazione, propongo loro attività sportive e creative nei momenti liberi. Sono due gran belle esperienze, ed è un ottimo modo per farsi le ossa dato che il mio sogno è proprio quello di stare con i bambini ed insegnare.

Qui in Francia c’è, sì, il concorsone per diventare professore ma al contrario dell’Italia non ci sono liste d’attesa. Hai passato il concorso? Voilà il tuo contratto a tempo indeterminato. Unico neo? Il concorso è, giustamente, mio malgrado, durissimo e super selettivo.

Perciò, per darmi la forza di continuare a studiare e per tutti quelli che si rimboccano le maniche per ottenere ciò che vogliono senza aspettare che cada dal cielo propongo un brindisi virtuale. In alto i calici e cin cin, anzi no, santé!

Continua a leggere
  4268 Hits
  0 Commenti
4268 Hits
0 Commenti

Contoworld.it usa i cookies per il login, la navigazione e altre funzioni di tracciamento. Accetta per consentire i cookies